“Gramsci 44”: a Gioiosa Jonica il film con Peppino Mazzotta

“Gramsci 44”: a Gioiosa Jonica il film con Peppino Mazzotta

Gramsci44_1

Un appuntamento di qualità, che valorizza talento e professionalità pienamente calabresi, che racconta una storia e un personaggio che appartengono anche al lento divenire del nostro sud.

“Gramsci 44” è il “regalo” che Riace In Festival offre quest’anno a Gioiosa Jonica. Un lungometraggio assolutamente godibile, di grande intelligenza, a cura di un giovane cineasta reggino (Emiliano Barbucci) che sa abbinare magistralmente l’amore per la cinepresa ai propri indissolubili valori ideali.

Il regista Emiliano Barbucci

Il regista Emiliano Barbucci

La storia è quella del confino sull’isola di Ustica cui fra Dicembre 1926 e Gennaio 1927 fu costretto Antonio Gramsci. L’intellettuale e politico comunista rimase sull’isola siciliana per soli 44 giorni, più che sufficienti comunque a lasciare una forte traccia di sè. Ad Ustica, con ogni probabilità, possiamo ritrovare anche tanta parte del Gramsci meridionalista, magistrale pensatore di un sud che è considerato autentica questione nazionale.

Ad interpretare Gramsci, ecco Peppino Mazzotta – eclettico e bravissimo attore calabrese, divenuto celebre su scala nazionale grazie ai ruoli dell’Ispettore Fazio accanto al Commissario Montalbano e di protagonista di “Anime Nere” di Francesco Munzì.

L'attore Peppino Mazzotta

L’attore Peppino Mazzotta

L’appuntamento gioiosano è per venerdì 29 Luglio alle ore 21.00 presso Palazzo Amaduri. Saranno presenti sia l’attore protagonista Peppino Mazzotta sia il regista Emiliano Barbucci: la serata sarà presentata da Maria Teresa D’Agostino.

“Gramsci 44”, che rientra nella programmazione ufficiale del Riace In Festival 2016, è stato voluto a Gioiosa Jonica dalla Rete dei Comuni Solidali (fra gli organizzatori storici della rassegna riacese).

  1. Antonio non il 1944 ma tra dicembre 1926 gennaio 1927.

Comments are closed.