Fiumi di sangue, l’Unesco di Gioiosa Ionica affronta il tema del femminicidio

Fiumi di sangue, l’Unesco di Gioiosa Ionica affronta il tema del femminicidio

Riceviamo e pubblichiamo

In occasione della Giornata internazionale dedicata alla lotta contro la violenza sulle Donne ricordata annualmente dall’UNESCO, sabato 17 novembre 2018 dalle ore 09:45 si svolgerà presso la Sala dell’Auditorium comunale un interessante incontro dal titolo: “Io sono Giordana”. “femminicidio e stalking”: due facce della stessa tragica medaglia. Il toccante e coinvolgente incontro è promosso dal Club per l’UNESCO di Gioiosa Jonica in collaborazione con l’Associazione “Io sono Giordana” di Catania, la Pro Loco UNPLI e l’Istituto Tecnico per il Turismo “Zanotti-Bianco” e con il Patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Gioiosa Jonica.

 

All’incontro che sarà moderato dalla giornalista RAI e scrittrice Annarosa Macrì, parteciperà la signora Vera Squatrito mamma della giovane Giordana Di Stefano uccisa a coltellate dal suo ex compagno. La parte introduttiva è affidata agli alunni dell’ITT Zanotti-Bianco che hanno predisposto alcuni brevi lavori inerenti all’annoso problema sociale del femminicidio. Interessante il parterre di ospiti illustri: il noto criminologo Francesco Bruno dell’Università la Sapienza di Roma; Francesco Rao Presidente Dipartimento Calabria Associazione Nazionale Sociologi; Gabriella Mollica Presidente Consiglio Ordine degli Avvocati di Locri; Antonino Morfea Dirigente Scolastico. L’iniziativa è condivisa dal Consiglio dell’Ordine Avvocati di Locri che darà la possibilità ai propri iscritti di ottenere da parte degli organizzatori tre crediti formativi.

Durante l’incontro si parlerà dell’iniziativa intrapresa dal Club per l’UNESCO di Gioiosa Jonica che donerà un’opera monumentale realizzata dall’artista internazionale Mariella Costa che dovrebbe essere collocata a Catania (probabilmente nel lungomare) raffigurante la giovane Giordana Di Stefano.

Club per l’Unesco di Gioiosa Jonica