Ruba una ruspa, distrugge e porta via la colonnina per il pagamento automatico di carburanti

Ruba una ruspa, distrugge e  porta via la colonnina per il pagamento automatico di carburanti

Alla mezzanotte di oggi, un cittadino segnalava al numero di pronto intervento che una persona a bordo di una ruspa stava cercando di sradicare la colonnina per il pagamento del carburante del distributore Esso, sito in località Cudupino a Massa.

Il richiedente, rimanendo in contatto con la centrale operativa, decideva di seguire il malvivente che a bordo della ruspa, nel frattempo, era riuscito a divellere la colonnina, dirigendosi poi, con la tutta la colonnina ormai all’interno della benna, verso la strada che conduce alla zona del Candia.

Il personale della Squadra Volante della Questura, messo in diretto contatto, tramite la Sala Operativa, con il cittadino, otteneva le esatte indicazioni per raggiungere in breve tempo il rapinatore. In questo lasso di tempo, il malvivente cercava di tagliare la strada al suo inseguitore. Immediato l’arrivo di tre pattuglie della Polizia di Stato, il cui intervento metteva da subito in sicurezza il cittadino, che coraggiosamente aveva seguito le mosse del rapinatore.  

Dopo qualche centinaio di metri, a causa di un restringimento della strada, il pesante mezzo, non potendo più proseguire, interrompeva la corsa, innestava la retromarcia e cercava di speronare la “Volante”, che stava dietro.

Gli altri agenti, nel frattempo scesi dai mezzi, seguivano le manovre del rapinatore, che imperterrito proseguiva la sua marcia puntando diritto verso la Volante, che, rimaneva a sua volta bloccata tra le numerose auto parcheggiate e un muro di contenimento, con grave pericolo per l’autista rimasto a bordo.

Pertanto, uno degli agenti, per impedire la collisione e mettere in salvo anche la sua persona, estraeva l’arma di ordinanza, sparando alcuni colpi all’indirizzo degli enormi pneumatici della ruspa, costringendo così il malvivente ad arrestarne la marcia. L’azione induceva il soggetto ad abbandonare repentinamente il veicolo, cercando di fuggire a piedi. Gli agenti però riuscivano a bloccarlo e ammanettarlo.

Nel corso del sopralluogo successivo veniva verificato che all’interno della benna meccanica della ruspa era presente la colonnina per il pagamento automatico asportata poco prima dal distributore. All’interno della stessa vi era contenuta la somma in banconote di euro 1.020,00, che venivano recuperate e sottoposte a sequestro. Ingenti sono stati i danni riportati dalla struttura del distributore, ove è stato necessario richiedere anche l’intervento dei Vigili del Fuoco per la messa in sicurezza del sito. Veniva inoltre accertato che la ruspa era stata rubata poco prima all’interno di un cantiere di una ditta della zona, procurando danni anche alla recinzione del piazzale anch’esso danneggiato.   

L’autore del gesto, un trentanovenne di Carrara, pregiudicato, veniva tratto in arresto per rapina impropria, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, furto aggravato e danneggiamento aggravato e condotto in Carcere su disposizione del magistrato.

Le indagini proseguono per cercare di individuare eventuali altri complici della criminale azione.

Comunicato Stampa Questura di Massa Carrara