“Inguaiò” Lucano demolendo lo Sprar di Riace, ora è indagato: «Ha falsificato una relazione sull’accoglienza»

“Inguaiò” Lucano demolendo lo Sprar di Riace, ora è indagato: «Ha falsificato una relazione sull’accoglienza»

Il funzionario della Prefettura di Reggio Calabria accusato di falsità ideologica: avrebbe taciuto sulle irregolarità del centro d’accoglienza di Varapodio

Di Simona Musco

https://www.ildubbio.news/ildubbio/2020/09/01/inguaio-lucano-demolendo-lo-sprar-di-riace-ora-e-indagato-ha-falsificato-una-relazione-sullaccoglienza/

Inguaiò Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, firmando la relazione che gli costò l’avvio di un’indagine e la chiusura dei progetti d’accoglienza. Ma ora è lui, Salvatore Del Giglio, funzionario della Prefettura di Reggio Calabria, ad essere indagato, con l’accusa di aver confezionato una relazione falsa nella quale avrebbe omesso di indicare le criticità rilevate all’interno del Centro d’accoglienza di Varapodio, a pochi chilometri dalla città dei Bronzi.

Del Giglio è accusato assieme al collega Pasquale Modafferi di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. Ai due è stato notificato, nei giorni scorsi, un avviso di conclusione delle indagini, che ha raggiunto anche il sindaco di Varapodio, Orlando Fazzolari, di Fratelli d’Italia, accusato di una gestione personale e discrezionale del centro di accoglienza “Villa Cristina” dal settembre 2016 all’aprile 2018, la titolare della cooperativa sociale “Itaca” Maria Giovanna Ursida e due commercianti di abbigliamento, Carlo Cirillo ed Ernesto Cruciani.


Il nome dei due dipendenti della Prefettura, per molti giorni, è rimasto segreto: nessuno osava rivelarne l’identità, nonostante fossero noti i nomi degli altri indagati. Ora, però, è emerso il collegamento con un passato nel quale il funzionario si trovava dall’altra parte della barricata: nel dicembre del 2016, infatti, Del Giglio firmò, assieme ad altri due colleghi della Prefettura di Reggio Calabria, la famosa relazione sulla gestione dello Sprar da parte del Comune di Riace, contestando, tra le varie cose, proprio la mancata manifestazione di interesse nella scelta delle associazioni che lavoravano per i migranti. Una relazione che, di fatto, avviò la distruzione del modello Lucano, evidenziando «situazioni fortemente critiche».

A partire dalle convenzioni con gli enti gestori, a chiamata diretta, passando per l’assunzione sempre fiduciaria degli operatori, parentele tra questi e amministratori comunali (in comune di 2300 anime) e scarsa chiarezza nelle fatturazioni. Dopo quella relazione ve ne fu un’altra, che esaltava fortemente le caratteristiche positive del modello Riace, raccontando l’accoglienza come una favola. Una relazione che, però, fu a lungo negata a Lucano, che per ottenerla, dopo diversi tentativi di accesso agli atti, fu costretto a sporgere denuncia in Procura, e che non piacque in Prefettura (come ha riferito durante il processo una delle firmatarie di quella relazione), tanto da costare al primo firmatario, Francesco Campolo, il trasferimento dal settore immigrazione a quello del raccordo con gli enti locali ed elezioni.


Secondo il procuratore della Repubblica di Palmi Ottavio Sferlazza e il pm Salvatore Rossello, in concorso con Ursida, i due ispettori, «a seguito di un controllo effettuato presso il centro di accoglienza “Villa Cristina”, finalizzato alla verifica del regolare funzionamento del centro e del corretto impiego dei fondi stanziati dalla prefettura di Reggio Calabria», avrebbero redatto «falsamente il verbale ispettivo del 5 settembre 2017 omettendo di indicare l’assenza di trasparenza in ordine alla regolarizzazione contrattuale delle cuoche e alla fornitura degli alimenti acquistati dal Comune di Varapodio». Del Giglio e Modafferi avrebbero inoltre omesso di indicare «la mancata manifestazione di interesse da parte del Comune di Varapodio per altre cooperative oltre la “Itaca” affidataria della convenzione per la gestione dei servizi relativi al terzo settore del medesimo Comune».