Caulonia, 84enne non autosufficiente positiva al tampone rapido abbandonata a se stessa da 14 giorni

Caulonia, 84enne non autosufficiente positiva al tampone rapido abbandonata a se stessa da 14 giorni

Una donna di Caulonia marina di 84 anni, 14 giorni fa è risultata positiva al covid 19 dopo avere eseguito il tampone rapido.

Da quel momento è chiusa in casa, in attesa che l’Asp effettui il tampone molecolare. Lunedì 16 novembre una chiamata dell’Asp la informava che mercoledì 18 avrebbero effettuato il tampone molecolare a domicilio.

La signora sta ancora aspettando. Secondo alcuni medici sarebbero esauriti i tamponi.

Il problema è che l’anziana donna non è autosufficiente. Non è in grado di pulire casa nè di lavare la sua persona. Veniva lavata dai figli ma da 15 giorni nessuno può avere contatti con lei. I figli possono solo sentirla al telefono e la trovano spesso in stato confusionale. In una telefonata ha informato la figlia di avere bisogno di fare la pipì e le ha chiesto cosa deve fare. Non aveva nemmeno la lucidità di capire che doveva andare in bagno.

Non è nemmeno in grado di cucinare, i figli le lasciano il cibo alla porta e dopo essere andati via le telefonano affinchè lo prenda.

Le sue condizioni igieniche e quelle dell’abitazione potrebbero essere disastrose.

Apparentemente la signora non manifesta sintomi legati al coronavirus. Solo nei primi giorni ha avuto un pò di febbre e un pò di tosse.

I figli sono disperati a pensarla abbandonata a se stessa.

E la vergogna dell’Asp di Reggio Calabria è senza fine.

Rispondi