Officina delle Idee: “Belcastro spinge il paese verso il baratro”

Officina delle Idee: “Belcastro spinge il paese verso il baratro”

Ella, Sindaco, ha dimostrato tangibilmente di aver raggiunto il più basso livello politico che la storia del nostro Ente comunale possa raccontare.
Lo scambio di comunicati tra Lei ed il rappresentante dell’Arciconfraternita dell’Immacolata e delle Anime del Purgatorio hanno di fatto certificato la sua pochezza politica.

“Lo avevamo già detto” – purtroppo speravamo di non dover utilizzare questa locuzione, eppure, prontamente Lei e la sua amministrazione di fronte ad un problema serio e tangibile si nasconde dietro fraseologie di mal costume. Lei vittima!
Nessun cenno di concretezza, nessun dato tangibile su cui poter ragionare, nessuna informazione, tutto secretato.
L’invettiva dei confratelli dell’Arciconfraternita, nei confronti dell’amministrazione comunale, è il naturale comportamento sociale di chi si sente abbandonato, deriso e frustato dalla classe dirigente del proprio paese, ma soprattutto verso coloro i quali era stata riposta la fiducia di una cittadina.

Officina delle Idee aveva segnalato alla vostra attenzione, all’attenzione del tecnico responsabile, a soggetti terzi, che le procedure, i procedimenti non corretti e i soldi non sarebbero bastati alla risoluzione del problema.
Abbiamo prontamente sottolineato come gli interventi di prima necessità non avrebbero portato alcun beneficio, argomento trattato anche dai tecnici aggiudicatari del progetto durante la riunione del 07 agosto, i quali asserivano anch’essi l’inutile dispendio di risorse economiche.
Abbiamo più volte richiesto l’invio degli incartamenti progettuali con l’intento di poter effettuare ogni tipo di accertamento, ma non strumentale come da voi sempre sottolineato, ma con il vivido intento di poter aiutare e razionalizzare al meglio risorse ed interventi.

I fatti e gli accadimenti successi, dimostrano che la vostra gestione è fallimentare e dannosa per il progetto Majietta, pertanto vi invitiamo a rimettere nelle mani del Commissario al dissesto idrogeologico, ente gestore dell’intervento, ogni atto e procedura relativa all’intervento stesso per manifesta incapacità politica.
Caulonia è davvero stanca; e noi non possiamo accettare, che il Sindaco Belcastro e la sua amministrazione continuino a spingere sempre più il nostro paese verso il baratro.

Officina delle Idee

Rispondi