Calabria: in 4 all’interno di un locale a consumare cibi e bevande, scattano le sanzioni

Calabria: in 4 all’interno di un locale a consumare cibi e bevande, scattano le sanzioni

Nel corso di questa settimana, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio e del “Piano di Azione Nazionale e Transnazionale – Focus ‘ndrangheta” sono stati conseguiti i seguenti risultati:

§ nr. 01 persone arrestate o in stato di fermo di P.G.;

§ nr. 03 persone deferite all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà;

§ nr. 04 persona segnalata all’Autorità Amministrativa, in quanto assuntore di sostanze stupefacenti;

§ identificate nr. 1236 persone;

§ controllati nr. 578 veicoli (anche con sistema Mercurio);

§ effettuati numerosi posti di controllo;

§ elevate nr. 22 sanzioni per violazioni al Codice della Strada;

§ elevate nr. 36 contestazioni amministrative in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 (ex D.L. n. 19 del 25.03.2020);

§ effettuate nr. 21 perquisizioni;

§ nr. 03 persone accompagnate in Ufficio per identificazione;

§ effettuati nr. 04 controlli amministrativi, elevate nr. 6 sanzioni amministrative e, contestualmente, effettuato nr. 01 sequestro amministrativo e/o penali.

Nella serata del 12 aprile u.s., personale della Squadra Volanti ha deferito all’A.G. un cittadino crotonese classe 1981, per il reato di “Resistenza a Pubblico Ufficiale”. Nei fatti, dopo una lite con la propria compagna ostacolava la propria identificazione opponendo resistenza verso gli operatori.

In data 13 aprile u.s., personale della Squadra Volante ha segnalato al sig. Prefetto, M.M., crotonese classe 1990, in quanto detentore di due involucri di cellophane di colore bianco contenenti sostanze stupefacenti di tipo Cocaina del peso lordo di grammi 0,35 e 0,44.

Successivamente medesimo personale ha deferito ai sensi dell.art 187 CDS e contestualmente segnalato al Prefetto S.R., cosentina classe 1976 in quanto, a seguito di perquisizione personale, veniva trovata in possesso di tre involucri di cellophane contenenti sostanza stupefacente tipo cocaina del peso complessivo di grammi 3,23. La donna si rifiutava inoltre di sottoporsi al controllo per accertare lo stato psicofisico.

In data 13 aprile personale della divisione P.A.S.I. ha proceduto al controllo di un circolo ricreativo ubicato a Crotone. All’ interno dello stesso sono stati ritrovati 14 soggetti tra cui il presidente pro-tempore identificato per C.M., crotonese classe 1965. Durante il controllo lo stesso ha minacciato il personale operante con una sbarra di ferro di 2,20 metri e si portava verso l’uscita in direzione di un’abitazione dalla quale sporgeva una signora. Il soggetto ha poi improvvisamente colpito un infisso della casa indicata, distruggendolo e successivamente è stato bloccato poi dagli operatori. Sul posto è poi intervenuto anche personale dell’UPGSP. Il C. è stato quindi deferito per i reati agli artt.337,612 e 635 del C.p. e contestualmente sequestrato l’arnese utilizzato per l’atto. Il presidente

dell’associazione è stato sanzionato poiché violatore delle normative anticontagio. Veniva impartita la sospensione del circolo e la segnalazione al sig. Prefetto per la successiva irrogazione della sanzione accessoria di sospensione attività da 5 a 30 giorni. Agli altri 10 soggetti infine veniva contestata la sanzione amministrativa per le medesime violazioni anticontagio.

Nella giornata del 14 aprile u.s., personale della Squadra Volante ha tratto in arresto C.F., crotonese classe 1966, ivi residente in quanto resosi responsabile del reato ex. art. 73 c1 DPR 309/90(detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente). Nella fattispecie, il soggetto veniva trovato in possesso di gr. 34,83 di sostanza stupefacente tipo marijuana, un bilancino di precisione, una busta di confezionamento vuota ma intrisa di residui di sostanza erbosa ed un rotolo di cellophane trasparente, quale materiale da confezionamento. In data 15 aprile u.s., personale della Squadra Volante in esecuzione di Ordinanza di convalida dell’arresto e applicazione di misura cautelare, ha sottoposto al Divieto di Dimora nel Comune di Crotone lo stesso soggetto.

In data 14 aprile 2021 personale della Divisione P.A.S.I. – Squadra Amministrativa ha proceduto ad effettuare la seguente attività in ambito focus ‘ndrangheta:

-Attività di panetteria avente sede in Crotone il cui titolare presente sul posto veniva identificato per G.O., crotonese classe 1965 ed ivi residente. Al termine della successiva verifica non si riscontravano irregolarità.

-Attività di somministrazione di alimenti e bevande avente sede a Crotone il cui titolare presente sul posto veniva identificato per S.F., crotonese classe 1964. In avvio di attività di riscontrava la presenza di n. 4 avventori all’interno del locale tutti intenti alla consumazione di alimenti e bevande (brioches e ginseng). Situazione di fatto, allo stato, non consentita in relazione alle limitazioni imposte alla somministrazione interna alle attività di ristorazione dettate dal D.P.C.M. del 2 marzo 2021. In relazione a quanto accertato si procedeva a sanzione i 4 avventori ex art. 4 comma 1 D.L. 19/2020 ed il titolare dell’attività per aver consentito la consumazione all’interno dell’esercizio commerciale in argomento (pmr 400,00 cadauno totale 2.000,00 euro) e contestualmente ad impartire la sospensione immediata dell’attività per giorni 5. In merito si procederà ad interessare il Prefetto di Crotone per la successiva irrogazione della sanzione accessoria della chiusura da gg. 5 a gg. 30;

Nella giornata del 14 aprile 2021, presso il Regional Hub Sant’Anna di Isola di Capo Rizzuto (KR) personale della locale Questura ha segnalato all’Autorità Amministrativa l’ospite A.B., camerunense classe 1995, in quanto trovato in possesso di gr. 0,58 di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.

Ufficio Stampa Comando Provinciale CC Crotone