Coraline, l’horror-fantasy a fumetti delle edizioni Npe. Una lettura indimenticabile

Coraline, l’horror-fantasy a fumetti delle edizioni Npe. Una lettura indimenticabile

Ammetto di non avere letto Coraline, il libro di Neil Gaiman definito “horror-fantasy” e dai cui è tratto un film d’animazione, ma conosco a memoria le parole della canzone dei Maneskin, che secondo me è il loro brano più riuscito.

Le edizioni Npe hanno pubblicato il fumetto realizzato da P. Craig Russell, noto per essersi occupati di Batman, Conan e Guerre Stellari oltre ad avere vinto una quantità enorme di premi.

Il fumetto ci trasporta insieme a Coraline in una nuova casa, ci porta a conoscere i vicini, ad esplorare il giardino per sfuggire alla noia e ad essere incuriositi da quella strana porta murata…

Fin dai primi capitoli c’è un’atmosfera di sospensione, sembra che qualcosa di indefinito stia per accadere ma senza fretta, arriverà ma non subito.

Così quando Coraline apre la porta e non la trova sorprendentemente più murata “c’era un raggelante odore di chiuso. L’odore di qualcosa di molto vecchio e di molto, molto lento”.

Una volta di là, nell’altro mondo, cominciano ad accadere cose strane, un po’ curiose e un po’ inquietanti. Che diventano sempre più inquietanti.

A un certo punto Coraline è costretta a tornare nell’altro mondo per una missione di salvataggio e le cose si complicano.

Nel finale mi ha fatto una certa impressione trovare in un paio di vignette un sogno ricorrente di quand’ero ragazzo. Sognavo spesso di essere in un corridoio buio e guardavo la luce provenire da una porta socchiusa oltre la quale c’erano i miei genitori. Qualcosa nel buio mi braccava ed io volevo correre verso di loro, verso la salvezza, ma non riuscivo mai a muovermi per aprire la porta, ero paralizzato. Allora cercavo di gridare ma la voce non usciva…

Non avendo letto il libro non so dire quanto il fumetto vi sia fedele ma ho deciso di scoprirlo acquistandolo. Perché nel fumetto delle edizioni Npe c’è davvero un’avventura fantastica che dura 192 pagine ma non vorresti mai che finisse.