Polistena Futura: “Soltanto mille euro dal comune di Polistena per i bambini ucraini”

Polistena Futura: “Soltanto mille euro dal comune di Polistena per i bambini ucraini”

Nei giorni scorsi sono arrivati a Polistena un centinaio di bambini ucraini ospitati dalla comunità Padre Luigi Monti. Sin da subito abbiamo notato una sovraesposizione mediatica del Comune di Polistena e del signor sindaco, dott. Michele Tripodi, che ha colto l’occasione per immortalarsi in
una foto addirittura con un minore, scrivendo un post nel quale dava anche informazioni sul piccolo sfuggito alla guerra (ci chiediamo in questi casi dove siano i garanti dell’infanzia?). Ho personalmente chiesto un maggior impegno dell’Ente Comunale fin dall’inizio dello scoppio della guerra tra Russia e Ucraina ma nulla è stato fatto.

Nei giorni scorsi abbiamo presentato un’interrogazione per capire quale sia stato il grande sforzo del Comune di Polistena, dopo aver ascoltato il signor sindaco affermare in tante occasioni la grande disponibilità dell’Amministrazione comunale di Polistena nell’accoglienza dei minori ucraini. Oggi lo scopriamo spulciando nell’albo pretorio del Comune. Il signor sindaco, dott. Michele Tripodi, ha evidentemente pensato che 1000€ (MILLE EURO) siano sufficienti per la compartecipazione alle spese di accoglienza di un centinaio di bambini ucraini. Sinceramente, dopo le varie dichiarazioni, ci saremmo aspettati un impegno più importante.

A rileggere i tanti contributi concessi dal signor sindaco negli ultimi tempi che gravano sul bilancio comunale viene subito agli occhi una sproporzione incredibile di trattamento, nonostante nel caso dei bimbi ucraini si parli di un’emergenza e di una situazione umanitaria drammatica e sarebbe stata, quindi, condivisibile qualsiasi cifra sostenibile dal Comune. E’ pure vero che i bimbi ucraini non votano e quindi, il dott. Tripodi, avrà pensato che 1000€ vadano più che bene. Pensare che chi amministra il Comune di Polistena parli sempre di “ultimi” rivendicando il loro essere “comunista” ne fa emergere, oggi ancora di più, il mero esercizio demagogico di queste affermazioni.

FRANCESCO PISANO
CAPOGRUPPO CONSILIARE “POLISTENA FUTURA