Escursione nella fiumara Amusa con “Gente in Aspromonte”

Escursione nella fiumara Amusa con “Gente in Aspromonte”

Per domani l’associazione Gente in Aspromonte ha organizzato un’escursione nel comune di Caulonia. Ecco il programma della giornata tratto dal sito dell’associazione:

http://www.genteinaspromonte.it/index.php/2014-11-28-20-21-45/prossima-escursione

Domenica 12 Aprile

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2015
“MULINI – FRANTOI – PALMENTI”

Mulini e Palmenti – Fiumara Amusa

SAM_0439

ITINERARIO NATURALISTICO – PANORAMICO AD ANELLO

Allontanandosi dal centro abitato, il paesaggio diviene più impervio e boscoso. Qua e là si scorgono vecchi casali e palmenti abbandonati, tutti esposti al sole e in posizione panoramica in cui la vista spazia sulle montagne soprastanti. Basta salire la collina e scendere nella valle e, a fianco della fiumara Amusa, ci troviamo la splendida frazione montana di Crochi in cui sorge l’Eremo della Quercia (Santa Maria di Crochi).

Raduno: ore 9.30 Caulonia Marina ufficio postale. Per chi viene dalla SS 106 da sud verso nord:dopo avere attraversato il ponte Amusa all’ingresso di Caulonia Marina, imboccare la prima strada a sinistra (via martiri di Gerace).
Trasferimento in auto in località Bandiera (circa 6 km dal punto di ritrovo imboccando la strada a sud dell’ufficio postale in direzione località Strano) e raggiunto e superato il primo ponticello sulla fiumara Amusa si arriva in località Mezzo Mulino dove si parcheggiano le auto e si può visitare un mulino ad acqua.
PARTENZA ESCURSIONE: ore 10.15

DIFFICOLTA’: E – Escursionistico
TEMPO: Ore 6
DISLIVELLO: 165 slm – 590 slm
COMUNI INTERESSATI: Caulonia

Come arrivare:

L’iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all’associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all’indirizzo info@genteinaspromonte.it.

COSA BISOGNA SAPERE
Il territorio di Caulonia è attraversato da tre fiumare: Amusa, Allaro e Precariti; le prime due delimitano rispettivamente a sud e a nord l’antico borgo del paese mentre la fiumara Precariti fa da confine a monte con il comune di Placanica e scendendo verso la costa con Stignano.
Questi corsi d’acqua hanno determinato e condizionato negli anni lo sviluppo del territorio e alle loro trasformazioni fisiche, in parte naturali e in parte provocate dall’uomo, spesso si sono affiancate azioni di dilavamento dei pendii con grandi rischi di natura idrogeologica che in molti casi hanno indotto all’abbandono delle terre e delle coltivazioni con il trasferimento di interi nuclei familiari verso la costa.
Ciò nonostante il territorio offre a chi ama fare escursionismo itinerari che in un susseguirsi di sentieri e tortuose strade interpoderali, solcano le vallate, sfiorano i campi coltivati e qua e là intersecano i crinali offrendo panorami di notevole valore paesaggistico con le suggestive tonalità di verde delle colline e i caratteristici “cafuni”.
L’escursione si svolge risalendo la collina sulla fiancata sinistra della fiumara Amusa dove fra agrumeti, orti, uliveti, querce e la tipica flora della macchia mediterranea si alternano casolari antichi, edicole votive, frantoi e mulini ad acqua, molti dei quali ridotti allo stato di ruderi fino a giungere al suggestivo santuario di Santa Maria di Crochi (XVII sec.) adagiato sulla sponda destra della fiumara in una straordinaria atmosfera di altri tempi.
Dalla vallata di Crochi si risale attraversando l’abitato della contrada Fratelleri fino a raggiungere località Menzica da dove si torna al punto di partenza.

SAM_0435

DESCRIZIONE SENTIERO
Prima del secondo ponte sulla fiumara si imbocca il sentiero a destra e lasciandosi la fiumara sulla sinistra e la rocca di Caulonia a destra lo si percorre in salita per circa 1 km. Arrivati in cima si segue il sentiero a sinistra verso il bosco dove si possono vedere tre palmenti partricolare: due grandi a due vasche e uno di piccole dimensioni a una vasca.
Si continua la salita fino a raggiungere un vecchio casale abbandonato (casale i cucuzzaro, circa 400 m s.l.m.) e arrivati al “Timpuni i cucuzzaru”si possono vedere dall’alto le due fiumare, l’Allaro sulla destra e l’Amusa sulla sinistra e alle spalle la rocca di Caulonia.
Si scende lungo una sterrata fino a raggiungere la strada asfaltata in località Menzica e proseguendo a sinistra lungo la strada si percorre la cosiddetta “pista delle tre donne” fino a raggiungere l’area di “Sgrongi” e il Calvario.
Continuando la discesa si arriva alla fontana (rifornimento di acqua) e dopo qualche centinaio di metri si scende sulla sinistra della strada e in campo aperto fino ad intercettare la sterrata che porta alla fiumara.
Attraversando il letto del fiume si arriva alla splendida frazione di Crochi in cui sorge il suggestivo santuario di Santa Maria e dopo una breve visita si risale la collina costeggiando l’abitato della frazione “Fratelleri” fino ad intersecare la strada provinciale per Pezzolo.
Si scende lungo la strada fino a raggiungere nuovamente la località Menzica (edicola dedicata a Sant’Ilarione sulla destra) dove è prevista la sosta pranzo. Si imbocca poi la stradina a destra (strada da pisciazza, forse perché sempre umida ) fino ad intersecare ancora la strada provinciale da dove si scende lungo una scalinata e si arriva alla chiesa di Santo Ilario.
Da qui si prosegue la discesa e prima del cimitero si scende a sinistra attraversando gli uliveti e quando si incontra la strada sterrata la si imbocca seguendo il corso della fiumara fino ad arrivare al punto di partenza..