La dignità del sindaco di Roccella e la miseria della Regione Calabria

La dignità del sindaco di Roccella e la miseria della Regione Calabria

Da una parte, c’è il Sindaco di Roccella Ionica che rivendica il suo ruolo istituzionale, che affronta con serietà le difficoltà provocate dallo sbarco di alcuni migranti positivi al Covid19, che spiega in modo accurato le misure di sicurezza attuate: partendo sempre dalla necessità assoluta di accogliere una persona in difficoltà, dal dovere morale di uomini che decidono di comportarsi da uomini.

Dall’altra parte, c’è la Presidente della Regione Calabria che – sempre in merito allo sbarco dei migranti positivi al virus – straparla contro il governo, profetizza sventure e disgrazie, si auto-incensa miseramente: benzina sul fuoco della legittima paura dei cittadini, speculazione politica di piccolissimo tenore, quando invece servirebbe una forza istituzionale che si occupa di gestire con oculatezza i problemi e di rassicurare puntualmente i cittadini.

Ci sono Politici e politicanti: stare con i primi e disprezzare i secondi, questa sì che è una straordinaria sensazione di forza.