Berlusconi positivo al Covid-19. Ora i negazionisti di destra cosa dicono?

Berlusconi positivo al Covid-19. Ora i negazionisti di destra cosa dicono?

Di Biagio Maimone

Il Covid-19 è una grande bufala? Secondo alcuni si, i cosiddetti negazionisti, i quali sostengono che tale virus è un’invenzione finalizzata a  destabilizzare il mondo, a creare panico sociale e, quindi, confusione sul piano politico ed economico, a livello globale. Coloro che sono morti, secondo il parere dei negazionisti, sono morti  perché il loro sistema immunitario, per via della paura creata dai media e dalla comunità scientifica, ha abbassato le difese.

Pertanto, molti si sono ammalati e morti non a causa del coronavirus. Ma è certo che tale virus esiste, altrimenti non mi spiego come mai molte persone, tra cui Berlusconi e Briatore, per citarne alcuni, risultano positivi al Covid-19. Il Covid-19  è, purtroppo, una tragica realtà! Il 5 settembre, a Roma, si terrà una manifestazione, indetta dai cosiddetti negazionisti, rappresentati da partiti di destra, tra cui spicca Forza Nuova, i quali affermano: “Il Covid è una truffa, liberiamo l’Italia”.

Siamo di fronte ad un dilemma, divenuto, come sempre, politico perché la politica è dappertutto e trova sempre il modo per contrapporsi. Chi porta la mascherina ed è attento alle regole sul distanziamento, perché constata l’esistenza del virus, si dice che sia di sinistra. Chi non porta la mascherina e circola tra la gente liberamente senza curarsi delle regole, perché negazionista, si dice che sia di destra. 

Però, a questo punto, sorge spontanea la domanda: “Se Silvio Berlusconi, il cui partito è nello schieramento di centrodestra, è risultato positivo al Covid-19, la destra è ancora decisa a negarne l’esistenza e a scendere in piazza il 5 settembre? Non è solo la destra estrema, quella rappresentata da Forza Nuova o da altri movimenti pseudo-politici a scendere in piazza il 5 settembre, ma anche alcuni membri, per fortuna alcuni ed anche noti, simpatizzanti di partiti di una destra meno estrema, che, a quanto pare, rinnegano da mesi l’esistenza del Covid-19 e che sostengono, che, se è esistito, ora non c’è più. 

Come spiegano costoro, che nelle televisioni RAI e Mediaset si arrabbiano e sbraitano considerando una coercizione indossare la mascherina,   il fatto che il personaggio più rappresentativo del mondo politico ed economico del nostro Paese è positivo al Covid-19? Un bel dilemma, proprio in bel dilemma! Ci tocca assistere – ahimè – alla solita grottesca guerra tra sinistra e destra, anche di fronte a quello che si può definire il più atroce dramma dell’epoca contemporanea!