Un pensiero per Luana, la ragazza morta sul lavoro

Un pensiero per Luana, la ragazza morta sul lavoro

Guardando il viso delicato e il sorriso radioso di questa ragazza, mi viene in mente la strofa de La canzone di Marinella:

“E come tutte le più belle cose, vivesti solo un giorno come le rose”. Luana è morta a soli 22 anni nell’azienda tessile in cui lavorava, risucchiata dal rullo della macchina a cui era rimasta impigliata che in pochi secondi ha portato via i suoi sogni e i suoi progetti.

Da poco era diventata mamma e compiva sacrifici quotidiani per regalare un avvenire sereno a suo figlio. Chissà se, un giorno, quel bambino ormai adulto riuscirà a comprendere perché mai in Italia, nel 2021, la sua mamma abbia perduto per sempre il sorriso sul posto di lavoro, ossia nel luogo in cui le forme di tutela dovrebbero essere maggiormente garantite.

Chissà se, un giorno, qualcuno sarà in grado di spiegargli come una simile tragedia sia potuta accadere.

Rispondi